Duexcento. poetiche e politiche dell'arte nell'architettura

convegno internazionale

Venezia rilancia in un convegno il dialogo tra arte e architettura: un grande piano per l'arte contemporanea nelle nuove architetture.Venezia, 6 e 7 febbraio 2004

Venezia rilancia il dialogo tra arte e architettura: il Comune avvia un grande piano per l’arte contemporanea nelle nuove architetture. Se ne parla in un convegno internazionale presso la Facoltà di Design e Arti dell'Università Iuav di Venezia.


A cosa serve l’arte contemporanea?
Secondo la legge 717 del 1949, nota come legge del 2%, può anche servire ad abbellire e integrare l’architettura. Una legge fino a oggi poco utilizzata dalle Amministrazioni Pubbliche e, di fatto, osteggiata più dal mondo degli architetti che da quello degli artisti. Riformare la legge, capire i motivi di un'applicazione discontinua e inefficace, costruire nuove opportunità di relazione tra l'arte e l'architettura:

Saranno presentate le iniziative di di Venezia, Roma, di Torino e della Campania, che hanno recentemente sviluppato significative esperienze di impiego della normativa del 2%. Si parlerà quindi più specificamente della normativa, delle proposte di riforma avanzate in ambito parlamentare e di procedure innovative per l’ impiego di questa legge.

L’attenzione sarà rivolta anche all'ambito internazionale, in particolare alla dimensione concettuale del rapporto arte/architettura.

L’Assessore alla Cultura del Comune di Venezia Armando Peres, la critica d’arte Angela Vettese, Katharina Blaas-Pratscher, direttore del programma di Public Art per la Bassa Austria, gli artisti Michelangelo Pistoletto e Joseph Kosuth, gli architetti David Chipperfield e Antonio Di Mambro discuteranno delle problematiche sollevate da questo dialogo, mai completamente risolto, e di nuove opportunità di incontro.  

Ulteriori informazioni e programma delle due giornate su
www.comune.venezia.it/news/duexcento/

Argomenti

Mobile Tools

Cerca nel sito