Lubetkin Prize 2009

Scelti i sei finalisti del premio che ogni anno individua l'opera più significativa realizzata fuori dall'Unione Europea da uno dei membri del RIBA.

Prende forma l'edizione 2009 del riconoscimento intitolato all'architetto di origine georgiana Berthold Lubetkin, attivo a Londra negli anni '30 e fondatore del Tecton Group (propertywire.com): i progetti inseriti nella rosa dei finalisti - pubblicata sul sito del Royal Institute of British Architects (architecture.com) - offrono uno spaccato delle opere realizzate durante lo scorso anno, testimoniando il primato di Pechino, sede di tre degli edifici selezionati.

Il Terminale 3 dell'Aeroporto Internazionale (Foster + Partners), il "Bird's Nest" (Herzog & de Meuron) e lo Stadio del nuoto ("Watercube", PTW/Arup) tengono traccia del boom edilizio collegato ai Giochi 2008, oltre a rappresentare il contributo degli architetti-star alla competizione. Tra gli aspiranti al Lubetkin Prize, anche la sede della British High Commission a Colombo - Sri Lanka (Richard Murphy), il Museo Bradhorst a Monaco di Baviera (Sauerbruch Hutton) e il Sean O'Casey Centre di Dublino (O'Donnell Tuomey).

Le sei architetture sono state estrapolate, "in seguito ai sopralluoghi della giuria" (architecture.com), a partire dal gruppo dei 15 premiati con i RIBA International Awards 2009. Il vincitore del Lubetkin Prize sarà annunciato il 14 luglio.

RIBA Lubetkin Prize 2009 - Elenco dei sei finalisti (da architecture.com):

Foster + Partners
Beijing Capital International Airport

Herzog & de Meuron
National Stadium Beijing - Bird's Nest

Richard Murphy Architects
British High Commission

Sauerbruch Hutton
Museum Bradhorst: 1 | 2

O'Donnell Tuomey
Sean O'Casey Centre

PTW Architects
The Water Cube (National Swimming Centre)

Argomenti

Mobile Tools

Cerca nel sito