Ecobonus, dall'Agenzia delle Entrate la guida aggiornata alla legge di Stabilità

Nella guida: i vari tipi di intervento per i quali si può richiedere la detrazione (dall'Irpef e dall'Ires), gli adempimenti richiesti, le procedure da seguire e le ultime novità inserite nella manovra 2014.

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato la guida alle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico, aggiornata alle ultime novità inserite nella legge di Stabilità 2014 (legge 147/2013).

La guida descrive i vari tipi di intervento per i quali si può richiedere la detrazione (dall'Irpef e dall'Ires) e riassume gli adempimenti richiesti e le procedure da seguire per poterne usufruire.

Le detrazioni dall'Irpef e dall'Ires sono riconosciute per spese che riguardano:

Tempistica ed entità dell'agevolazione

L'agevolazione è stata confermata nella misura del 65% per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014. Sarà ridotta al 50% per le spese effettuate nel 2015.

Per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali e per quelli che riguardano tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio, la detrazione si applica nella misura del:

Dal 1° gennaio 2016 (per i condomini dal 1° luglio 2016) l'agevolazione sarà invece sostituita con la detrazione fiscale (del 36%) prevista per le spese relative alle ristrutturazioni edilizie.

La data di pagamento

Indipendentemente dalla data di avvio degli interventi cui le spese si riferiscono - ricorda la guida - per l'applicazione dell'aliquota corretta (55, 65 o 50%) occorre far riferimento:

Per valutare la convenienza dell'agevolazione bisogna allungare l'occhio alla dichiarazione dei redditi ed essere lungimiranti. Come tutte le detrazioni d'imposta, l'agevolazione infatti è ammessa entro il limite che trova capienza nell'imposta annua derivante dalla dichiarazione dei redditi.

 

Vedi anche...

Argomenti

Mobile Tools

Cerca nel sito