PoS professionisti. Obbligatorio, non per tutti, e fra 6 mesi

L'importo minimo, oltre il quale scatta l'obbligo di accettare il bancomat, è di 20 euro, ma solo se il pagamento avviene all'interno dello studio, e se si ha un reddito superiore a 200mila euro di lavori per privati. Secondo il CNI non sarà operativo prima di maggio-giugno 2014.

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri dirama una lettera di chiarimento sull'obbligo di accettazione di pagamenti con carte di debito (bancomat), anticipando i contenuti dello schema del decreto attuativo elaborato dal Ministero per lo Sviluppo Economico, sul quale si devono ancora esprimere la Banca d'Italia ed il Ministero dell'Economia.

Aggiornamento del 21 gennaio 2014
Contrordine. PoS obbligatorio per tutti i professionisti. Lo scrive il MiSE (leggi l'articolo).

Aggiornamento del 27 gennaio 2014
È in Gazzetta ufficiale il decreto che disciplina l'uso di moneta elettronica per i pagamenti di prestazioni professionali, emanato dal ministero dello Sviluppo economico di concerto con il ministero dell'Economia. (leggi l'articolo).

Aggiornamento del 26 febbraio 2014
Il Milleproroghe fa slittare l'obbligo di installare il PoS, leggi: Milleproroghe: slitta l'obbligo di POS, normativa antincendio "soft" per gli hotel

I contenuti

Secondo lo schema del decreto, l'importo minimo, oltre il quale scatta l'obbligo di accettare pagamenti con carte di debito è di 20 euro. Obbligo che trova applicazione «solo per i pagamenti effettuati all'interno dei locali destinati allo svolgimento dell'attività di vendita o di prestazione di servizio». Se, dunque, il pagamento avviene al di fuori dello studio, magari presso il cliente, l'obbligo scompare.

L'obbligo, inoltre, vale solo per i professionisti con reddito superiore a 200mila euro, soglia che si innalza a 300mila euro per un periodo transitorio che va dall'entrata in vigore del decreto fino allo scadere dei successivi sei mesi. Da prendere in considerazione è il fatturato, riferibile alle sole transazioni con consumatori o utenti, che risulta dalla dichiarazione presentata ai fini dell'Irap o, in mancanza, dalle scritture contabili dell'anno precedente a quello nel corso del quale è effettuato il pagamento. Non concorre, quindi al calcolo della soglia, la parte del reddito riferibile alle transazioni con soggetti che esercitano attività imprenditoriali, commerciali, artigianali o professionali, chiariscono dal CNI. 

Infine, per l'entrata in vigore del decreto, sempre secondo la bozza, bisognerà aspettare 120 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale. La misura, secondo il CNI, non sarà operativa prima di maggio/giugno 2014 e comunque, rimarca la nota, fino all'emanazione dei decreti attuativi e fino alla loro entrata in vigore, non è obbligatorio per i professionisti accettare pagamenti con carte di debito e quindi di dotarsi di POS.

Vedi anche...

Argomenti

Mobile Tools

Cerca nel sito