I luoghi monastici. Presenze e segni nel territorio abruzzese

mostra e percorso culturale

Presso il Fuori Expo Casa Abruzzo sarà possibile visitare la mostra dedicata alla grande tradizione monastica di matrice benedettina per secoli insediatasi in Abruzzo che ha generato architetture, arti e saperi ma anche insegnato regole e organizzazione del lavoro lasciando un segno indelebile nel territorio.Milano, 1 e 2 settembre 2015 dalle 10 alle 23

La grande tradizione monastica di matrice benedettina per secoli insediatasi in Abruzzo ha generato non solo architetture, arti e saperi ma ha insegnato regole e organizzazione del lavoro che hanno lasciato un segno indelebile nel territorio, in particolare per quanto riguarda l'arte pratica dell'agricoltura e della pastorizia.

"Ora, labora, lege, medita" la Regola ispiratrice che fervidamente è stata osservata,praticata e attuata dai monaci ogni giorno. "I benedettini furono gli agricoltori d'Europa" osservò lo statista francese Francois Guizot  associando agricoltura e predicazione.

La mostra dal titolo "I luoghi monastici. Presenze e segni nel territorio abruzzese" è organizzata dal Centro studi Architettura e Liturgia di Pescara con il patrocinio della Fondazione Architetti di Chieti-Pescara e con il coordinamento del prof. Arch. Claudio Varagnoli, Ordinario di Restauro Architettonico presso l'Università degli Studi "G. D'Annunzio" di Chieti - Pescara.

Sarà allestita a Milano presso il Fuori Expo Casa Abruzzo, in via Fiorichiari,angolo Fomentini 9, Brera.

È possibile visitarla nelle giornate dell'1 e 2 settembre 2015 dalle 10 alle 23.

Comitato scientifico della mostra: Prof. arch. Claudio Varagnoli, don Antonio De Grandis, arch. Emanuele Cavallini, arch. Paola Renzetti, arch. Simona Valente
Collaborazione: Michela Beatrice Ferri, Luca Stucchi, arch. Stefano Cecamore, arch. Nicola D'Intino.

Argomenti

Mobile Tools

Cerca nel sito