Le storie dell'architettura. Gio Ponti e la sua poliedrica attività al centro del nuovo ciclo di incontri al MAXXI

Tutti i sabato mattina, fino al 15 febbraio, il MAXXI ospita un ciclo di quattro incontri dedicati a Gio Ponti e alla sua poliedrica attività in equilibrio tra architettura, design, insegnamento, editoria e scenografia. Il primo appuntamento è con Francesca Zanella che presenterà il ruolo delle arti nell'opera del grande architetto.Roma, 25 gennaio, 1, 8 e 15 febbraio 2020

Tutti i sabato mattina, a partire dal 25 gennaio e fino al 15 febbraio 2020, l'Auditorium del MAXXI ospita un ciclo di quattro incontri dedicati a Gio Ponti e alla sua poliedrica attività che ha spaziato negli anni dall'architettura al design, dall'insegnamento all'editoria, fino alla decorazione e alla scenografia.

Il programma affianca la grande retrospettiva "Gio Ponti. Amare l'architettura"- in mostra nelle sale del museo fino al 13 aprile - ed avvicina il pubblico, attraverso una serie di lezioni tenute da docenti universitari, ricercatori, critici e storici dell'architettura, ai molteplici caratteri della carriera e dell'eredità di Ponti.

Il primo appuntamento è con Francesca Zanella, del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali dell'Università di Parma, che presenterà uno dei temi centrali della riflessione di Ponti: il rapporto tra l'architettura e le arti.
Fin dai primi interventi a partire dagli anni Trenta, sino agli anni Settanta, nell'ambito della progettazione, della scrittura, della editoria e dell'art direction in Triennale si rintraccia infatti nell'opera dell'architetto una costante declinazione dell'eterno tema della relazione tra le arti e una attenzione alla trasformazione dei linguaggi plastici e visivi.

Francesca Zanella, ricercatore universitario di Storia dell'arte contemporanea, insegna Storia e teoria delle esposizioni e degli allestimenti presso il Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali dell'Università di Parma e dal 2015 è presidente del CSAC.


Progetto per il Concorso del Palazzo dell'Acqua e della Luce all'E42, Roma 1939 Veduta prospettica, china su lucido con indicazioni a china, mm.855X1045.

Le storie dell'architettura

Calendario rassegna 2020

Biglietto

Maggiori informazioni:
www.maxxi.art/events

Vedi anche...

Argomenti

Mobile Tools

Cerca nel sito