Rischi architettonici ed ergonomici negli ambienti di lavoro: da Inail-Federico II la prima di una serie di pubblicazioni

Pubblicato il primo di sei manuali operativi per la comunità tecnica

Una serie di pubblicazioni per esaminare i rischi architettonici ed ergonomici negli ambienti di lavoro. A inaugurarla è il primo volume sulla valutazione del rischio di caduta in piano.

Una serie di pubblicazioni per esaminare i rischi architettonici ed ergonomici negli ambienti di lavoro. A inaugurarla è il primo volume sulla valutazione del rischio di caduta in piano. A seguire, è stata pianificata una pubblicazione sul rischio architettonico negli ambienti di lavoro, mentre i quattro volumi che usciranno successivamente analizzeranno il rischio ergonomico nella grande distribuzione organizzata, nel lavoro d'ufficio, nella produzione agricola e nell'industria alimentare.

Le pubblicazioni fanno parte del progetto RAS, Ricercare e Applicare la Sicurezza, il cui obiettivo è rendere disponibili, alla comunità tecnica, una serie di manuali operativi sulle tematiche inerenti la sicurezza nei luoghi di lavoro per la divulgazione dei risultati di studi e ricerche scientifiche sul miglioramento delle condizioni di lavoro in diversi contesti produttivi.

Tali attività sono state condotte e realizzate dal Laboratorio di Ergonomia Applicata e Sperimentale del Dipartimento di Architettura dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, in collaborazione con la Contarp (Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione) dell'Inail - Direzione regionale Campania.

La pubblicazione Inail-Federico II

Secondo un rapporto dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (Eu-Osha), le cadute in piano comportano il maggior numero di infortuni in tutti i settori lavorativi, incluso il lavoro in ufficio, e costituiscono il motivo delle principali assenze dal lavoro superiori ai tre giorni, specialmente nelle piccole e medie imprese. Anche nel nostro Paese questa statistica segue l'andamento europeo e le cadute in piano rappresentano la terza causa di incidente di tutti i comparti produttivi, con circa il 15% del totale degli infortuni di cui sono note le cause. Questa tipologia di incidente può assumere talvolta conseguenze anche gravi, con assenze lavorative di 38 giorni, una durata media inferiore solo alle cadute dall'alto e agli infortuni per impiglio/aggancio. 

Parte da questi dati di scenario l'analisi contenuta nel primo volume sul rischio di cadute in piano. Nella prima, i professionisti Inail e i ricercatori dell'ateneo federiciano, insieme ad altri esperti, si soffermano sui dati socio-economici degli infortuni da scivolamento e caduta in piano. Ad esempio, viene calcolato che I costi totali (diretti e indiretti) degli infortuni da cadute in piano ammontano a circa 370 milioni di euro l'anno. Volendo provare a ridurli, almeno del 10%, si otterrebbe un risparmio annuo di 9 milioni. Vengono poi esaminati gli approcci multifattoriali, passando in dettaglio le norme tecniche e di prevenzione contenute nel decreto 81/2008.

Viene analizzata la sicurezza antincendio e approfondite le interazioni tecnico-giuridiche. Sono infine indicati i criteri di valutazione del rischio, con un'analisi della letteratura tecnico-scientifica in tema e la disamina dei principali fattori (tecnici, architettonici, lavorativi e umani) da tener presenti in caso di rischio da scivolamento e inciampo. A chiudere, nella seconda parte, i protocolli per la misura, strumentale e non, della valutazione. 

Argomenti

Mobile Tools

Cerca nel sito