A che punto è la notte?

convegno su arte, architettura e liturgia

La Diocesi Nardò-Gallipoli e l'Ordine degli Architetti di Lecce organizzano un convegno sul rapporto tra arte e liturgia. Uno scambio di idee su segni e significati dell'arte e dell'architettura in relazione allo spazio sacro ed alla ritualità liturgica.Nardò (LE), 16 - 18 maggio 2014

A cinquant'anni dal Sacrosanctum Concilium e dal Messaggio di Paolo VI agli artisti (8 dicembre 1965), la Diocesi Nardò-Gallipoli e l'Ordine degli Architetti di Lecce organizzano un convegno per fare il punto sul rapporto tra arte e liturgia. Un esercizio critico volto a rilanciare nel dibattito pubblico l'inscindibile nesso tra arte e fede. Uno scambio di opinioni ed idee, analizzando i segni ed i significati dell'arte e dell'architettura in relazione allo spazio sacro ed alla ritualità liturgica.

Punto di partenza è il discorso che Paolo VI rivolse agli artisti: «Da lungo tempo - affermò il papa nel lontano 1965 -  la Chiesa ha fatto alleanza con voi. Voi avete edificato e decorato i suoi templi, celebrato i suoi dogmi, arricchito la sua liturgia. L'avete aiutata a tradurre il suo messaggio divino nel linguaggio delle forme e delle figure, a rendere comprensibile il mondo invisibile».

Paolo VI non chiede un'arte "serva della Chiesa", ma chiede agli artisti di essere fedeli al loro ideale in una sinergia d'intenti. L'importanza dell'antica alleanza tra arte e liturgia merita un convegno, che si propone l'obiettivo di rilanciare la problematica, talora stanca e senza passione, alle prese con la crisi dell'arte e con le fibrillazioni di una liturgia incapace di simboli vivi.

È previsto anche il contributo del pubblico per evitare che il dibattito si fermi solo agli addetti ai lavori, trascurando la sensibilità della gente, che ha sempre vissuto la fede nelle magnifiche metafore dell'arte.

La giornata di domenica 18 maggio sarà dedicata ad una visita alle bellezze architettoniche e paesaggistiche del territorio. Incluse nell'itinerario: la cattedrale di Gallipoli, museo diocesano, masserie fortificate, torri costiere e la masseria e la chiesa Madonna del Brusca.

Quota d'iscrizione: 30 euro. La Diocesi di Nardò - Gallipoli offre, per l'occasione, un pacchetto di ospitalità con spese che si aggirano intorno ai 35 - 45 euro.
CFP: l'Ordine degli Architetti di Lecce ha avviato la pratica presso gli organi competenti per il riconoscimento dei crediti formativi professionali che potrebbero essere n. 9 per il Convegno e 2 o 3 per la visita alla mostra.

E' molto gradita la partecipazione degli studenti di architettura, delle accademie di belle arti, di teologia, filosofia, beni culturali ecc. per i quali è stato predisposta l'esenzione della quota di partecipazione ed altre agevolazioni da concordare con la segreteria del convegno.

» programma | scheda d'iscrizione

Appuntamento: 16 - 18 maggio 2014
Palazzo Vescovile delle Cenate, località Santa Caterina di Nardò - Lecce.

sabato 17 maggio alle ore 10.30 vi sarà un dibattito con Franco Purini, su "Le chiese dei concorsi CEI: un'opinione critica". Modera Roberto Tagliaferri.

MOSTRA - Artisti e architetti
Centro studi per arte, architettura e musica sacra "Deus et Homines"
Esperienze artistico-progettuali di studio e ricerca per lo spazio rituale.

in collaborazione con Città di Nardò, patrocinio della Conferenza Episcopale Italiana, e la Provincia di Lecce.

Argomenti

Mobile Tools

Cerca nel sito